Comune di Conselve

Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 
 
Il Piano di Assetto del Territorio

La L.R. n. 11/2004 detta le norme per il governo del territorio del Veneto definendo le competenze di ciascun ente territoriale, stabilendo criteri, indirizzi, metodi e contenuti degli strumenti di pianificazione per il raggiungimento delle finalità stabilite dalla legge medesima, riconoscendo in capo al Comune la responsabilità diretta nella gestione del proprio territorio e coinvolgendo i cittadini nella formazione degli strumenti di pianificazione.
Il governo del territorio si attua attraverso la pianificazione (urbanistica e territoriale) del Comune (della Provincia e della Regione) che è articolata in disposizioni strutturali (contenute nel Piano di Assetto del Territorio - P.A.T.) ed in disposizioni operative (contenute nel Piano degli Interventi - P.I.). Il P.A.T. è lo strumento di pianificazione delineante le scelte strategiche di assetto e di sviluppo del governo del territorio comunale, individuando le specifiche vocazioni, sulla base di previsioni decennali, fissando gli obiettivi e le condizioni di sostenibilità degli interventi e delle trasformazioni ritenute ammissibili.
I Comuni, le Province e la Regione, nei limiti delle competenze di cui alla L.R. n. 11/2004 e s.m.i., possono concludere - ai sensi dell'art. 6 - accordi con soggetti privati per l'assunzione nell'attività di pianificazione, tra le scelte strategiche di assetto e di sviluppo per il governo del territorio comunale, di proposte di progetti ed iniziative di rilevante interesse pubblico aventi per oggetto previsioni del contenuto discrezionale degli atti di pianificazione territoriale ed urbanistica (nel rispetto della legislazione e della pianificazione sovraordinata, senza pregiudizio dei diritti dei terzi); tali accordi rappresentano lo strumento giuridico preordinato a garantire il coordinamento delle azioni di più amministrazioni per la realizzazione di un'opera pubblica o di un'opera privata di interesse pubblico. Detti accordi sono formalmente recepiti con il provvedimento di adozione dello strumento di pianificazione e sono condizionati alla conferma delle loro previsioni nel piano approvato.


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu